Se ultimamente ti è capitato di cercare in farmacia la fucsina fenica probabilmente ti sarai sentito rispondere che è mancante: ovvero non si riesce più a reperire né dai grossisti né dalle aziende produttrici. Attenzione: il prodotto in questione non è stato ritirato perché pericoloso o dannoso per la salute, ma non viene più prodotto probabilmente per una motivazione economica visto l’utilizzo 

sporadico che ne viene fatto nella dermatologia di oggi.

Sì, perché la fucsina fenica, conosciuta anche come tintura rubra del Castellani (1874-1971), è uno di quegli antichi rimedi molto utilizzati nel secolo scorso che oggi sono stati quasi totalmente sostituiti da prodotti commerciali più moderni.

Nonostante questo le ottime proprietà antisettiche e soprattutto antifungine della fucsina fenica fanno sì che questo farmaco sia ancora utilizzato in diverse problematiche cutanee come eczemi, micosi cutanee, micosi ungueali ed infezioni di batteri gram+. La sua particolare composizione chimica inoltre lo rendono anche un buon cicatrizzante ed un lieve antipruriginoso ed anestetico locale, effetto particolarmente gradito a chi soffre di dermatiti in cui i tessuti sono fortemente irritati.

Vista la temporanea (?) indisponibilità della fucsina fenica come preparato industriale l’unico modo per iniziare o proseguire la terapia è rivolgersi ad un farmacista che possa allestire la tintura del Castellani nel proprio laboratorio. Proprio come faceva lo speziale 100 anni fa 😀

La tintura rubra del Castellani, come suggerisce anche il nome, è un liquido di colore rosso acceso che va applicato sulla pelle asciutta possibilmente con l’aiuto di un supporto usa e getta come un dischetto di cotone o delle garze. Una volta che la tintura si è asciugata è possibile vestirsi o applicare altri trattamenti nella zona da trattare.

La fucsina fenica va utilizzata con cautela perché potrebbe sporcare i vestiti. Eventuali macchie su tessuti o altri oggetti possono essere trattate con una soluzione di sodio carbonato 1% in alcool 70°. Non va utilizzata nei bambini al di sotto dei 3 anni e va conservata in un luogo sicuro perché velenosa se ingerita.

Nonostante la fucsina fenica commerciale sia un prodotto di libera vendita in farmacia, quando si fa allestire una preparazione galenica è necessaria la ricetta del medico valida una sola volta entro i 30 giorni dalla data di prescrizione.

Fucsina fenica (ingredienti): fucsina basica, fenolo liquido, resorcina, acido borico, alcool, acetone, acqua.

            

Per qualsiasi informazione potete contattarci ai seguenti recapiti:
Telefono: 0541.692912
Email: farmacia@amarissimo.it
Whatsapp: 3913153300